|
|
|
|
|
|
utenti online: [63]
|
mercoledì 17 gennaio 2018
CHE COS'È L'OSP
STRUTTURA GESTIONALE
per Comune
per Istituzione Statale
per Istituzione non Statale
per Tipologia
Scuole Serali
Scuole Carcerarie
Centri Territoriali
Orientamento
Diritto - Dovere
La scuola in cifre
Edifici Scolastici
Formaz. Ref. Scolastico
Qualifiche triennali IeFP
PUBBLICAZIONI
CENTRO PER L`IMPIEGO
INFORMAGIOVANI
SETTORE GIOVANI
SERVIZI PER LA MOBILITÀ
LINK
RICERCA GEOGRAFICA DELLE SCUOLE NELLA PROVINCIA DI LUCCA
clicca sulla mappa per visualizzare il dettaglio
Sei in: home   archivio news   articolo in news
11/06/2012 - 11.16.42 DIMENSIONAMENTO INCOSTITUZIONALE
La Corte Costituzionale, dunque, con sentenza n. 147 depositata il 7 giugno scorso, a seguito del ricorso presentato da Toscana, Emilia Romagna, Liguria, Puglia, Umbria, Basilicata e Sicilia, ha dichiarato l’illegittimità del nuovo dimensionamento della rete scolastica disposto dalla legge n. 111/2011.

Erano stati impugnati due commi dell’art. 19: uno (il quarto) riguardante la riorganizzazione delle istituzioni scolastiche del 1° ciclo in istituti comprensivi dimensionati in almeno 1000 alunni; un altro (il quinto) relativo alla non assegnazione del dirigente scolastico titolare alle istituzioni scolastiche con meno di 600 alunni.

Per il 4° comma è stato dichiarata l’illegittimità costituzionale, per il 5° è stata rilevata non fondata la questione di illegittimità costituzionale. Il mondo della scuola si chiede ora: cosa succederà?

Proviamo ad avanzare ipotesi sugli scenari possibili, partendo dal fatto che le Regioni, obtorto collo, hanno già provveduto nei mesi scorsi, in linea di massima, a ridefinire il piano della nuova rete scolastica sulla base dei parametri previsti dalla legge: generalizzazione degli istituti comprensivi e dimensionamento medio sui mille alunni.

A nostro parere i piani regionali, anche se conseguenti ad una norma dichiarata decaduta, possono essere considerati legittimi. Ma dovranno essere le regioni stesse a decidere ora se, in autotutela, intendono confermare quei piani, magari solo per il prossimo anno scolastico, per una evidente esigenza di continuità di funzionamento del servizio d’istruzione, oppure rivederli integralmente o parzialmente, avvalendosi della sentenza della Consulta che li legittima in pieno ad operare secondo parametri stabiliti autonomamente nel quadro dei vincoli di finanza pubblica.

Questa facoltà di revisione dei propri piani regionali non è rimessa soltanto alle sette regioni ricorrenti, ma a tutte le regioni, comprese quelle che hanno applicato alla lettera e con molto zelo le disposizioni derivanti dalla legge 111.
Fonte: Tuttoscuola.com
CONOSCERE PER SCEGLIERE 2012
DATI SCUOLE ORIENTAMENTO SCOLASTICO
Licenza Media: ecco le novità per l`ammissione
La Regione approva il calendario scolastico 2012/13
Ministro Giarda: Governo al lavoro per garantire docenti non abilitati
MIUR: per le gite scolastiche le scuole sono autonome
Maturità 2011, le materie della 2ª prova scritta
Delibera di Giunta Regionale n. 1103/2010
Iscrizioni alunni: scadenza al 12 febbraio
Pubblicati i risultati di OCSE Pisa 2009
Sito ottimizzato con risoluzione 1024 x 768 pixel - Internet Explorer 5.5™ o superiore.
OSP - Osservatorio Scolastico Provinciale di Lucca - Piazza Napoleone - cap 55100 Lucca
Tel: 0583.417728/751/750- Fax: 0583.417498
Accessi dal 01/03/06: [53054]
  top